Venerdì 19 Veeblefetzer & The Manigolds OPEN: “La gentilezza nelle cose” a seguire Dj Grissino


Un inedito connubio tra dub e rock’n’roll, con venature alla Tom Waits e una passione per i Clash!
Un marchingegno sonoro con imprevedibili effetti a catena. Se è vero, come diceva un grande della musica, che
per ogni azione esiste una reazione, Veeblefetzer & The Manigolds è una reazione alle ingenti quantità di sonorità
roots reggae, dub, indie, rock’n’roll, gypsy punk, jazz manouche e murder ballads ingerite dai suoi componenti.

L’idea originale del gruppo è maturata ed invecchiata come un buon vino nella mente del frontman Andrea Cota,
già cantante e chitarrista dei romani Torpedo. Dopo lo scioglimento di quest’ultimi era giunto il tempo di riaprire
vecchi cassetti e dare una forma alle tante idee collezionate nel tempo. Dall’incontro con il batterista Gabriele
Petrella (Rein, Presi per Caso) prendono le mosse i primi esperimenti musicali che porteranno all’attuale
formazione del gruppo. Nell’estate del 2012 i Veeblefetzer & The Manigolds pubblicano online il loro primo EP dal
OPEN: “La gentilezza nelle cose”
questo è il titolo del primo lavoro da solista di Riccardo Bellini,classe ’76. Dopo anni di esperienza in numerosi progetti indipendenti milanesi (Invitro , Six la neve…) come chitarrista,decide di mettere in musica le impressioni e le sensazioni che lo hanno accompagnato nel lungo percorso musicale.

Dj Grissino
ha 24+6=30 anni ed origini veneto/napoletane. Appassionato sin da ragazzo di rap old school, swing e jazz, approda un giorno a Goran Bregović e ne resta fulminato. Entra così nel profondo della cultura balcanica, che fa del canto del gallo una canzone e del funerale una festa, anche se dolorosa. Negli ultimi anni ha suonato un po’ ovunque: dal Traffic Festival di Torino alle bocciofile, feste in spiagge a Barcellona, “Caravan Etnique Assud Tour 2009” in Salento, nei baretti e per le strade del quartiere San Salvario di Torino con il sound system montato sul suo furgone… selectando Balkanica!