Lunedì 30 Aprile…1088km di strada i Grimoon….1232km di binari Charlie…per un ennesimo nuovo inzio al Condorito,per la 2° assemblea dei soci i tesseramenti e la raccolta fondi per la Creatività

30 Aprile alle 22Grimoon

E’ trascorso tempo dall’ ultimo articolo scritto a San Francisco sull’importanza di saper costruire e usare la Frambola nel contempo la Geopolitica segue inesorabile il suo corso di cattivo gusto e il libero pensiero contagia e stuzzica clandestinamente.

Alcuni importanti segnali sono l’uscita nei migliori circoli underground d’italia di alcune opere discografiche che nelle prossima settimane verranno presentate anche al  nuovo Condorito, parlo de “La fine del potere” del gruppo romano<E il dentro e il fuori e il Box 84>, drammaticamente reali  fondono idee sovrabbondanti in un guazzabuglio sonoro creando intrugli letali e molto di più, sono vero amore in stile HARD QUORE. (tra il 12 e il 15 di Luglio)

Poi c’è Nilo  l’ultimo capolavoro dei < Chewingum > il grande ORAZIO li ha definiti

il fenomeno più frizzante che sia mai potuto capitare al pop italiano, senza indie e senza ma, da qualche anno a questa parte.(E’ vero!!!dico io) Le 11 canzoni che lo compongono sono alberi di un giardino strabordante di frutta fresca, tropicale, succosa, porosa, aspra e mediterranea. Orazio di Martino

Abbiamo avuto l’immensa gioia di trovarli tra le nostre mura dopo circa due anni, ed è stato come se non fosse successo niente e tutto . Fervono inoltre i preparativi per il grande concerto che vedrà i due gruppi  esibirsi in San pietro il 21 dicembre corrente anno un evento pensato e voluto dal condorito e dal sommo Benedettino che potrete vedere a breve on line in un servizio dell’inviata speciale al Vaticano Franci Svampa.

Oggi succede che:

I Grimoon percorreranno 1088 Km di strada per raggiungere il Condorito attorno alle 18:00 , sarà la felice conclusione di una lunga tournè europea e un’occasione per sentire da loro l’aria che tira nel vecchio continente.

Molti ormai li conoscono sono in sei  e  presentano un nuovo capolavoro Le déserteur

che è senza ombra di dubbio il loro disco più spesso, stratificato, psichedelico e dark; per dirlo in una parola, è senz’altro il loro disco più rock.[…]Un grandissimo album Le Déserteur, che speriamo faccia allargare notevolmente la fama dei Grimoon, una delle migliori band operanti in Italia, che, e non ci fa onore, ha sempre raccolto molto più all’estero che da noi. Che sia giunto il momento di rimediare?  da El Buscadero

Ci sono molte cose che vorrei scrivere ma si sà,piano piano se vuoi prendere la scimmia nel bosco, allora vi saluto immaginari e dunque reali amici e vi aspetto insieme ai Grimoon e agli afezionados per godere profondamente l’effervescenza della tanto proibita libertà.

P.S.

Questa sera si terra anche l’assemblea dei soci ARCI, per vedere insieme soluzioni di gestione e raccolta fondi, tesseramento e programmazione.

Charlie